• federfarma vicenza 1
  • federfarma vicenza 2
  • federfarma vicenza 3
  • federfarma vicenza 4
  • Federfarma Vicenza

    Sito dei titolari di farmacia della provincia di Vicenza
  • Federfarma Vicenza

    Sito dei titolari di farmacia della provincia di Vicenza
  • Federfarma Vicenza

    Sito dei titolari di farmacia della provincia di Vicenza
  • Federfarma Vicenza

    Sito dei titolari di farmacia della provincia di Vicenza

In primo piano

Detrazioni Fiscali

La legge finanziaria prevede la detraibilità della spesa per i farmaci.
Come riportato dal sito del Ministero della Salute :

"Le spese fatte per comprare medicinali non rimborsabili o per pagare il ticket di quelli rimborsati dal SSN rientrano tra le spese sanitarie detraibili dall’annuale dichiarazione dei redditi.
Per detrarre le spese per i medicinali con obbligo di ricetta, è necessario conservare la ricetta medica o la sua fotocopia, se questa è ritirata dalla farmacia al momento dell’acquisto del medicinale e lo scontrino fiscale della farmacia.
Per quanto riguarda le detrazioni per le spese fatte per acquistare i medicinali da banco, oltre allo scontrino fiscale, se non si è in possesso della ricette medica, si deve compilare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in carta libera che attesti la necessità di quei medicinali. L’autocertificazione deve essere unica per tutti i medicinali acquistati nel corso dell’anno da tutte le persone appartenenti al nucleo familiare del contribuente.
La documentazione riguardante tutte le spese detratte deve essere conservata per cinque anni."

 

Dal primo luglio 2007 l'autocertificazione è stata sostituita dal cosiddetto "scontrino parlante", cioè non sono più accettati in detrazione gli scontrini fiscali recanti solo le diciture: Farmaci, medicinali, IVA10%, ecc., ma dovranno riportare anche la descrizione del bene acquistato.
Alla luce delle oggettive difficoltà tecniche incontrate dalle farmacie per l'attuazione delle direttive ministeriali, l'Agenzia delle Entrate ha emanato una circolare (N.30/E del 28/03/2008 ) con le istruzioni per sanare eventuali "scontrini parlanti "non esattamente conformi a quanto richiesto dalla materia riguardante le detrazioni. La stessa Agenzia aveva già previsto e risolto tale problematica con un comunicato stampa del 28/06/2007 .

La Finanziaria 2008 prevede inoltre che lo scontrino fiscale parlante riporti: quantità, natura, descrizione dei farmaci acquistati e Codice Fiscale (quello riportato sulla Nuova Tessera Sanitaria).

Dal primo gennaio 2008 il codice fiscale non potrà più essere aggiunto "a penna" dal dichiarante, ma dovrà essere stampato direttamente dal registratore di cassa. E' necessario quindi esibire in farmacia la Nuova Tessera Sanitaria o altro documento che indichi il codice fiscale  e manifestare la propria volontà di usufruire della detrazione prima dell'emissione dello scontrino. Va ricordato inoltre che l'esibizione della Nuova Tessera Sanitaria si rende necessaria perchè la farmacia possa attuare il controllo della spesa sanitaria, che riguarda esclusivamente le ricette del Servizio Sanitario Nazionale, come impone il Ministero delle Finanze.